Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

Il Rodolfo Morandi riparte alla grande: la Spes Mundial issa bandiera bianca

Missione compiuta. Animato dalla ferma volontà di riscattare l’inopinata sconfitta all’inglese incassata nel turno precedente per mano dello Zena Montecelio, il Rodolfo Morandi fa bottino pieno nella tana della temuta Spes Mundial (1-3), si rimette in carreggiata e aggancia al quinto posto la Villa Adriana.

Missione compiuta. Animato dalla ferma volontà di riscattare l’inopinata sconfitta all’inglese incassata nel turno precedente per mano dello Zena Montecelio, il Rodolfo Morandi fa bottino pieno nella tana della temuta Spes Mundial (1-3), si rimette in carreggiata e aggancia al quinto posto la Villa Adriana, costretta a sua volta a osservare un turno di stop forzato previsto dal calendario. I ragazzi allenati da Di Marco cominciano la gara a spron battuto e, dopo soltanto sei giri di lancette, aprono le danze per merito di Daniele Sargolini, lesto a finalizzare, nei pressi del primo palo, un preciso cross dalla corsia sinistra di Attili. La gioia dei lidensi dura pochi minuti. La Spes Mundial perviene subito al pareggio con Alessio Sargolini, il quale intercetta una corta respinta di un avversario, a seguito di un lungo rinvio di Bolletta, prende la mira dalla trequarti campo, incastra la sfera nell’angolino alto alla sinistra di Verdecchia con un chirurgico spiovente e dà un brutto dispiacere sia a suo fratello Daniele che alla sua ex squadra. La formazione allenata da Di Marco non si abbatte per la rimonta subita, riparte di slancio e, a metà periodo, passa per la seconda volta a condurre grazie a un perentorio colpo di testa di Ferrazzoli, cinico a capitalizzare al massimo un cross dalla corsia destra di Daniele Sargolini e a non lasciare alcuna via di scampo a Bolletta. Il Rodolfo Morandi, poco dopo la mezz’ora, ha la possibilità di allungare nel punteggio con una bella giocata per vie verticali. L’ottimo Achilli, con un delizioso sinistro dalla propria metà campo, favorisce la progressione di Daniele Sargolini. Bolletta prova a interrompere l’azione con una tempestiva al limite dell’area di rigore, ma non riesce a intercettare il pallone. L’attaccante lidense, di conseguenza, ha la possibilità di fare centro nella porta sguarnita da posizione defilata, ma opta per la soluzione di forza e coglie soltanto l’esterno della rete. La gara continua ad essere piacevole con azioni importanti da una parte e dall’altra. I padroni di casa sfiorano il pareggio con Alessio Sargolini, il quale si accentra dalla corsia sinistra, calcia di destro e trova la traversa a negargli la gioia della doppietta personale. Il Rodolfo Morandi, poco più tardi, getta alle ortiche un’altra nitida opportunità per rimpinguare il bottino di gol. Lo scatenato Achilli si esibisce in uno splendido “coast to coast” e, appena arrivato nei pressi del limite dell’area, serve sulla sinistra Ferazzoli. L’attaccante, a dispetto delle sue acclarate doti di bomber di razza, calcia troppo debolmente e consente a Bolletta una comoda presa a terra. La Spes Mundial, a ridosso dell’intervallo, si complica i propri piani: Alessio Sargolini rimedia il secondo cartellino giallo e costringe i suoi compagni a giocare tutta la ripresa in dieci contro undici. La prima parte della seconda frazione di gioco viene giocata sotto una fitta pioggia battente che mette a dura prova i giocatori in campo. Migliorate leggermente le condizioni meteorologiche, la squadra del X Municipio firma la terza rete con Minotti, lesto a correggere in fondo al sacco una punizione calciata dal lato corto dell’area dal solito Achilli. Agevolati dai maggiori spazi concessi dagli avversari, i lidensi, in chiusura di match, sfiorano addirittura la quarta rete: Achilli, dopo un delizioso “dai e vai” con Ferazzoli, calcia di destro dall’interno dell’area, ma colpisce in pieno il palo a portiere battuto. Poco male. Tale marcatura sarebbe servita soltanto per le statistiche. Il Rodolfo Morandi torna ad assaporare con pieno merito il dolce gusto della vittoria e ribadisce di avere tutte le carte in regola, sotto la guida di un tecnico preparato come Mario Di Marco, di disputare una stagione da protagonista.

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Scritto da

Calcio a 5

Il quintetto del presidente Schiavi paga dazio in Toscana, chiude al secondo posto il triangolare e non riesce a conquistare il pass per l’ultimo...

Calcio a 5

Il quintetto del presidente Cirillo si inchina alla distanza, nella splendida cornice del Pala Cattani di Faenza, alla compagine siciliana. I capitolini partono forte...

Calcio

La squadra di Colantoni non riesce a rimontare la rete di svantaggio accumulata in gara-1, pareggia con il risultato ad occhiali il return-match col...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.