Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

Lupi azzanna il Tolfa: l’Unipomezia rialza la testa

3286 UNIPOMEZIA VIRTUS Promozione LUPI MARCO

Motivata al punto giusto a riprendere la retta via dopo il passaggio a vuoto di Focene, la matricola Unipomezia Virtus 1938 sfrutta al meglio il fattore campo contro un generoso Tolfa (2-1), conquista tre punti di platino e ricomincia con piglio autoritario l’ascesa verso le sfere nobili della classifica. La squadra del presidente Cerusico, alla resa dei conti, è riuscita a mettere le mani sull’intero bottino grazie a un secondo tempo tutto grinta e determinazione. Dopo aver chiuso la frazione d’apertura sotto di una rete, i rossoblu sono usciti fuori alla distanza, hanno spostato l’inerzia del match dalla propria parte grazie alle stoccate vincenti di Falconieri e Lupi e, in virtù di tale successo, si sono tolti la soddisfazione di agganciare al settimo posto la Nuova Florida, costretta a sua volta al pari esterno dal fanalino di coda Rodolfo Morandi. Mister Maurizio Bussi, costretto a rinunciare all’apporto dell’infortunato Bernardini, propone tra i pali il baby Russo e, di conseguenza, si garantisce la possibilità di poter utilizzare, per l’intero arco dei novanta minuti, soltanto due giocatori in età di Lega in mezzo al campo. Il trainer rossoblu, come preventivato alla vigilia, si affida a una linea difensiva formata dai centrali Cesaretti e Giovannetti e dagli esterni bassi Oliva e Vallesi. A fare da perno della squadra, invece, il terzetto composto dal play-maker Falconieri e dagli intermedi Alì Lolli e De Carolis. Completa l’undici di partenza, infine, il trio tutta classe ed esperienza formato da Seferi, Bogdanov e Lupi. Soltanto panchina, dunque, per il bomber Celiani, autore della rete che ha smorzato definitivamente le velleità del San Michele nel return-match dei sedicesimi di Coppa Italia. Dopo una prima fase equilibrata, l’Unipomezia Virtus 1938 ha una ghiotta opportunità per passare in vantaggio. Il talentuoso Seferi si fa valere sulla corsia di destra, entra in area e prova a calciare in porta, ma non riesce a trovare la giusta coordinazione. La sfera, comunque, arriva dalla parti di Bogdanov, il quale non si aspettava un tiro-assist del genere dal proprio compagno di reparto e, malgrado le sue innate doti realizzative, non riesce ad arrivare puntuale all’appuntamento con la stoccata vincente. A metà tempo, invece, il Tolfa gela il pubblico di fede rossoblu presente in tribuna al “Comunale” con Compagnucci, bravo a finalizzare dall’interno dell’area di rigore un rapido capovolgimento di fronte. Sotto di una rete, la compagine pometina si spinge generosamente in avanti, sviluppa una discreta mole di gioco, ma non riesce ad andare alla conclusione per la solidità del pacchetto difensivo collinare, bravo a chiudere tutti i varchi e a permettere a Izzi di non essere mai chiamato seriamente in causa. Costretto ad inseguire il risultato, mister Bussi durante l’intervallo rivede il suo schieramento di partenza e rileva l’esperto Bogdanov per inserire Martinoia. Ad inizio ripresa, tutto sommato, l’Unipomezia Virtus 1938 non riesce a cambiare marcia e, dopo cinque minuti, rischia grosso su calcio di punizione dal vertice destro dell’area. Lo specialista Pastorelli disegna una splendida parabola, ma si vede strozzare in gola la gioia del gol dalla parte alta della traversa. Scampato il pericolo, i pometini alzano ulteriormente il ritmo e, intorno al quarto d’ora, pervengono al pareggio: il generoso Oliva, sempre più a suo agio come esterno basso, crossa al centro dell’area dalla corsia di sinistra, l’esperto Izzi sbaglia la presa e permette a Martinoia di appoggiare la sfera all’accorrente Falconieri, il quale si esibisce in uno splendido colpo di testa in tuffo e rimette le cose a posto. Trascorrono pochi minuti è il Tolfa rimane in dieci: il signor Torreggiani della sezione di Civitavecchia espelle per doppia ammonizione Fronti. Galvanizzata nel morale per la rete del pareggio e per il fatto di giocare in undici contro dieci, la squadra pometina si spinge con regolarità in avanti e mette i brividi agli avversari con Lupi, il quale converge al centro dalla sinistra, salta in velocità un avversario e, dal fondo, crossa un invitante pallone per i propri compagni di reparto, ma Martinoia e Seferi non riescono ad arrivare in tempo per piazzare la stoccata vincente. Lo stesso Lupi, pochi minuti più tardi, mette nuovamente i brividi ai collinari. Il numero dieci rossoblu calcia in porta appena entrato in area di rigore, ma Izzo in questo caso si conferma all’altezza della situazione, toglie la sfera dall’angolino basso alla sua destra e si rifugia in angolo. A riprova di un maggior dominio territoriale, la squadra del presidente Cerusico, alla mezzora, passa a condurre con lo stesso Lupi, il quale si coordina alla perfezione all’interno dell’area e, con una splendida conclusione di controbalzo, manda la sfera ad insaccarsi imparabilmente sotto l’incrocio dei pali più lontano. Una rete per esecuzione e precisazione, dunque, degna di palcoscenici più importanti. Il Tolfa si complica i propri piani di rimonta cinque minuti più tardi: Marcoaldi blocca fallosamente lo scatenato Lupi, rimedia il secondo cartellino giallo e costringe la sua squadra a giocare addirittura in duplice inferiorità numerica. La formazione allenata da Bussi, di conseguenza, controlla senza problemi la situazione favorevole, ma rischia di subire una clamorosa rimonta in piena zona Cesarini. A seguito di un lungo lancio dalle retrovie, il baby Russo decide di uscire dai pali per andare in soccorso dei suoi difensori centrali, ma sbaglia la presa e, di conseguenza, consente a Del Monte di intercettare la sfera. Il giocatore collinare, da posizione defilata, calcia a botta sicura nella porta sguarnita, ma la squadra rossoblu evita il peggio grazie a un provvidenziale intervento in “estirada” di Vallesi, bravo nella circostanza ad evitare una marcatura che ai più appariva fatta. L’Unipomezia Virtus 1938, nonostante un’affannosa rimonta e il rischio nel finale, riesce a passare alla cassa a riscuotere i tre punti in palio, si rilancia in classifica generale e dimostra di avere le giuste motivazioni per rientrare nel giro che conta.

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA   

Scritto da

Calcio a 5

La formazione di Ostia non riesce a sfruttare al meglio il fattore campo nella classica sfida senza appello, issa bandiera bianca di fronte agli...

Calcio a 5

Sfoderando una prova collettiva senza sbavature, il quintetto del presidente Schiavi sbanca uno dei terreni di gioco più ostici della categoria (2-4) e prosegue...

Calcio a 5

La squadra di Iannaccone tira delle somme più che positive all'esordio assoluto in Serie C1: ottimo settimo posto. Capitan Dei Giudici e soci sono...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.