Connect with us

Cosa stai cercando?

Boxe

Cataldo, sogno infranto: Federici è campione italiano

L’esperto Francesco Cataldo non riesce a mettere le mani sulla cintura della categoria dei Pesi Massimi Leggeri. L’esperto pugile di Nettuno, nonostante gli sforzi profusi, si arrende di stretta misura al promettente Simone Federici, il quale si impone di stretta misura con verdetto non unanime e, al secondo tentativo, corona il classico sogno nel cassetto di diventare il nuovo campione italiano. La sfida sul quadrato di Pomezia, nel rispetto dei pronostici della vigilia, è stata sostanzialmente equilibrata. Il forte picchiatore capitolino, non a caso, ha spostato l’ago della bilancia dalla sua parte per un solo punto, al termine di dieci riprese molto valide per tecnica e qualità del pugilato. Il match comincia sotto il segno di Federici, il quale sale sul ring con la giusta carica emotiva, sfrutta al meglio le proprie caratteristiche tecniche e acquisisce un leggero margine di vantaggio. Animato da una grande voglia di rivalsa, Cataldo ha una rabbiosa reazione d’orgoglio, applica alla lettera le direttive dal proprio angolo di Vittorio Oi, ex campione europeo della categoria Super Leggeri, e riequilibra con pieno merito le sorti della gara. Le ultime fasi dell’incontro, di conseguenza, sono piuttosto entusiasmanti. I due boxeur producono il massimo sforzo, si fanno apprezzare per numerosi affondi di pregevole fattura, ma rimandano l’esito del match alla decisione dei giudici. Il verdetto, a riprova di una sfida tirata, non trova il parere unanime degli organi giudicanti. A prevalere per un solo punto di differenza è Simone Federici, il quale fa esplodere tutta la sua gioia per aver fatto centro al secondo tentativo dopo il primo assalto fallito, tre anni fa, contro Ciriani sul quadrato di Manzano. A fare da contraltare, ovviamente, lo sconforto di Cataldo, il quale si trova costretto a mandare giù il calice amaro di una sconfitta di stretta misura. “Questa vittoria rappresenta per me il giusto premio per i notevoli sforzi profusi negli ultimi anni – spiega il neocampione italiano Simone Federici – . Ho lavorato con la massima professionalità per avere una seconda chance per il titolo italiano. E’ stato un match combattuto, sono stato bravo a rimanere sempre concentrato per l’intero arco dei dieci round. Colgo l’occasione per fare un plauso a Cataldo, il quale si è rivelato un avversario di assoluto valore. Mi ha dato del filo da torcere per ottenere la vittoria più importante della mia carriera”. L’angolo di Cataldo, dal canto suo, non fa drammi per la sconfitta, ma recrimina per qualche giudizio durante la gara dell’arbitro. “Non ho nulla da rimproverare al mio allievo – sottolinea Vittorio Oi – . Francesco ha disputato un match molto valido sotto ogni punto di vista. Dopo una partenza contratta, ha alzato il ritmo e ha sciorinato una boxe di alto livello. Senza nulla togliere a Federici, il quale si è confermato un ottimo pugile, non possiamo fare altro che rammaricarci per alcune decisioni dell’arbitro, che ha permesso al nostro avversario di avanzare in maniera inappropriata con la testa. E’ stato anche richiamato più volte a causa di alcuni colpi scorretti con il guanto interno. L’episodio più eclatante, però, si è registrato nella settima ripresa quando ha procurato a Francesco una fuoriuscita di sangue. Questo atteggiamento piuttosto esuberante ha penalizzato il mio pugile, che non è riuscito a incidere al meglio nei momenti salienti del match. Ci tengo a precisare, comunque, che ci rimboccheremo subito le maniche. Il mio allievo, oltre a essere un serio professionista, ha le giuste credenziali per togliersi ancora delle belle soddisfazioni nel pugilato. Metterò al suo servizio tutto il mio bagaglio di esperienza, sono fermamente convinto che terminerà la carriera in bellezza”.

Antonio Gravante                                                    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scritto da

Calcio

La formazione rutula conclude all’ultimo posto la prima stagione della sua storia sul massimo palcoscenico calcistico regionale. De Angelis e compagni terminano le fatiche...

Calcio

La squadra verdeblù, retrocessa matematicamente in Promozione da alcune settimane, termina le fatiche stagionali con una pesante sconfitta esterna (8-0). I ragazzi di Parrella...

Calcio

La squadra allenata da Casciotti termina la regular-season con una vittoria di misura sul C.S. Primavera (1-2), si piazza al secondo posto alle spalle...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.