Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

Bum bum Gianfrancesco: Città di Pomezia corsara

5885 CITTA' DI POMEZIA Prima Categoria GIANFRACESCO FRANCESCO

Blitz riuscito. Presa letteralmente per mano dallo scatenato Gianfrancesco, autore di una doppietta nel momento topico della ripresa, la Città di Pomezia espugna di misura il rettangolo di gioco capitolino della Junior Portuense (1-2), si allontana dalle sabbie mobili della bassa classifica e riacquista la giusta fiducia nei propri mezzi per affrontare con maggiore serenità l’ultimo terzo di campionato. Prima dell’incontro si è tenuto un doveroso minuto di raccoglimento per ricordare la signora Angela Garzia, madre del presidente Antonio Maniscalco e, nello stesso tempo, presidente onorario della società, deceduta a metà febbraio. Consapevole dell’importanza della posta in palio, l’esperto Sebastiani si affida alla cosiddetta “vecchia guardia” ad eccezione del centrocampista Lemmo. Nonostante la numerose defezioni per infortuni e squalifiche, l’allenatore pometino non rinuncia al suo modulo preferito, propone come al solito il 4-4-2 e schiera a protezione della porta difesa da Crisafulli il quartetto composto, da destra a sinistra, da Alessandro Caprioli, Asetta, Caldararu e Marinucci. Nessuna sorpresa neanche a centrocampo: Simone Caprioli e Puxeddu sono gli esterni alti, mentre Lemmo e Metani agiscono per vie centrali. Il trainer rossoblu, infine, rinnova la fiducia a Gianfrancesco, proposto in avanti al fianco dell’inamovibile Faticanti. Le fasi iniziali del match, tutto sommato, risultano in prevalenza di studio. Bisogna aspettare l’ottavo giro di lancette per assistere al primo affondo degno di nota. L’esterno alto capitolino, Mottola, angola troppo la conclusione e spedisce la sfera lontano dalla porta. La compagine rossoblu risponde agli avversari sette minuti più tardi. Il generoso Gianfrancesco, servito alla perfezione da Faticanti, esalta i riflessi di Battilana, bravo nella circostanza a rifugiarsi in angolo. A metà tempo, la Junior Portuense ha una grossa opportunità per sbloccare il punteggio con Cecchinelli. La punta capitolina, servita nel cuore dell’area piccola da Mottola, colpisce debolmente di testa e depone di fatto il pallone tra le braccia di Crisafulli, che gentilmente ringrazia e rinvia lungo. Aiutato dal vento a favore, il portiere rossoblu mette Simone Caprioli nella condizione di presentarsi in area a tu per tu con Battilana. Il cursore pometino, però, sbaglia l’impatto con il pallone per troppa precipitazione al tiro e getta alle ortiche una nitida occasione da gol. La stessa punta rossoblu, alla mezzora esatta, ha un’altra grossa occasione per spezzare l’equilibrio in campo, a seguito di uno splendido passaggio smarcante di Faticanti, impeccabile nella circostanza ad indossare le vesti di rifinitore, ma pecca di cinismo e consente ai rivali di tirare un sospiro di sollievo. Successivamente Alessandro Caprioli si fa valere sulla fascia destra e, arrivato sul fondo, crossa al centro dell’area per Faticanti, ma l’attaccante sbaglia i tempi dell’inserimento, arriva un attimo prima della palla e sciupa l’occasione propizia. L’ultima azione degna di nota del primo tempo, invece, è della Junior Portuense: Mottola colpisce di testa in piena libertà e costringe il numero uno pometino a un difficile intervento a terra. Al rientro dagli spogliatoi, la squadra di Sebastiani prende in mano il pallino del gioco e imbastisce, dopo soli tre giri di lancette, una pregevole azione corale: Gianfrancesco di prima serve Faticanti, il quale crossa nei pressi del palo più lontano per l’accorrente Lemmo. Il giovane centrocampista colpisce in pratica a colpo sicuro, ma trova sulla sua strada un reattivo Battilana, abile a distendersi in tuffo sulla sua sinistra e a conservare inviolata la propria porta. L’incontro, per lunghi tratti, è chiaramente nelle mani dei ragazzi del presidente Maniscalco, i quali imbastiscono continuamente azioni lineari che permettono ai propri terminali offensivi di creare più di un grattacapo agli avversari. I pometini si fanno apprezzare, in particolar modo, per una costante pressione sui portatori di palla rivali. I giocatori capitolini, nella maggior parte dei casi, sono costretti a liberarsi quanto prima della sfera. La Città di Pomezia, di conseguenza, sfiora la marcatura al minuto numero cinquantasei: l’esperto difensore centrale, Cafarelli, nel tentativo di appoggiare il pallone al proprio portiere, mette in moto Simone Caprioli, che intercetta il retropassaggio, si presenta minaccioso in area e sceglie la conclusione rasoterra, ma si fa ipnotizzare da Battilana, bravissimo a rifugiarsi in angolo e ad evitare il peggio. L’allenatore capitolino, poco più tardi, cerca di bilanciare il divario in campo e sostituisce tre giocatori in cinque minuti. Le sue scelte, in ogni modo, si rilevano azzeccate. Da uno dei nuovi entrati, Ricciardi, arriva la prima risposta su punizione: la palla si stampa sulla traversa. La Città di Pomezia comprende da subito di dover alzare il ritmo e arriva al vantaggio a distanza di tre minuti dallo scampato pericolo. Il merito è soprattutto di Metani, il quale sradica la sfera dai piedi di un avversario e crossa al centro dell’area per il ben appostato Gianfrancesco, che brucia l’incolpevole Battilana in uscita e porta i suoi in vantaggio. Passano solo altri sette giri di orologio e la squadra di Sebastiani mette una seria ipoteca sul risultato. Stavolta è Puxeddu a dare il via al contropiede con un perfetto passaggio in profondità per Faticanti. L’attaccante attira su di sé due avversari, si districa al meglio palla al piede e serve un assist al bacio per Gianfrancesco, il quale non ha alcuna difficoltà a infilare nuovamente da distanza ravvicinata il portiere avversario e a griffare la doppietta personale. In vantaggio di due reti e a pochi minuti dal triplice fischio, i ragazzi di Sebastiani hanno un calo di tensione e lasciano l’iniziativa agli avversari. A due minuti dalla conclusione, non a caso, la Junior Portuense vede premiati i propri sforzi e dimezza le distanze. L’esterno alto di sinistra, Cillo, riesce a liberarsi del diretto avversario e pennella al centro dell’area un pallone con il contagiri per Mottola, il quale anticipa Dabovic e brucia Crisafulli con un rasoterra imprendibile.  Nei restanti minuti di gioco, la squadra capitolina cerca di raggiungere il pari, ma i rossoblu fanno buona guardia e portano a casa tre punti preziosi in ottica salvezza.

Luciano Risa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scritto da

Ottobre 2023
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...

Sport vari

Una massiccia partecipazione e un ruolo da assoluta protagonista. Facendo leva su buona condizione fisica generale, la Podistica Pomezia ha fatto decisamente bella figura...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.