Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

L’Ostiamare chiude con un pareggio: Bernardini acciuffa l’Atletico Uri

La formazione del presidente Di Paolo termina l’ennesima avventura consecutiva in Serie D con una salomonica spartizione della posta casalinga con il motivatissimo Atletico Uri (1-1) e si piazza al settimo posto a pari merito con la Cynthialbalonga. Gli isolani sbloccano il punteggio, alla mezzora del primo tempo, per merito di Jah. Il centrocampista biancoviola rimette le cose a posto nel corso della ripresa.

Mariano Bernardini (Ostiamare)

Daniel Casazza (Ostiamare)

L’Ostiamare saluta i propri tifosi con un pareggio casalingo. La formazione del presidente Di Paolo si fa imporre la spartizione della posta dall’Altetico Uri (1-1), compagine che in virtù di tale risultato vince la volata con il Latte Dolce Sassari e ottiene la riconferma diretta nella categoria, racimola il secondo punto nelle ultime cinque giornate di campionato e archivia l’ennesima avventura consecutiva in Serie D in settima posizione a pari merito con la Cynthialbalonga, reduce a sua volta dal pareggio esterno sul campo della Boreale. Mister Campagna, per l’occasione, deve rinunciare all’apporto di qualche pedina inamovibile del proprio scacchiere, costretta a dare forfait per infortunio. Ma questa non può essere una giustificazione. I biancoviola si sono espressi al di sotto delle proprie potenzialità contro una squadra che ha gettato il cuore oltre l’ostacolo per ottenere il punto della matematica salvezza. Dopo una prima fase di studio, gli isolani rompono gli indugi con Ravot, il quale va al tiro da posizione leggermente defilata. Il giovane Valori, ben piazzato tra i pali, fa buona guardia e blocca il pallone con sicurezza. L’Ostiamare, pochi giri di orologio più tardi, replica ai rivali di turno con Barlafante, il quale si districa al meglio tra due avversari e calcia di collo pieno, ma si vede voltare le spalle dalla dea bendata. La sua conclusione si stampa sull’incrocio dei pali. L’Atletico Uri, con il passare dei minuti, si mostra più propositivo e, poco prima della mezzora, sblocca il punteggio per merito di Jah, lesto a correggere in fondo al sacco, con un bell’intervento in estirada, una punizione calciata da Esposito. I lidensi accusano il colpo, faticano a reagire e guadagnano la via degli spogliatoi in svantaggio di una rete. La formazione isolana parte forte nella ripresa e sfiora il raddoppio con Cannas, il quale costringe Valori a una provvidenziale deviazione in angolo. La squadra di Campagna, a quel punto, ha un’impennata d’orgoglio, avanza il baricentro e, all’ottavo minuto, perviene al pareggio con Bernardini, il quale sfrutta al meglio un assist di Mencagli e fa centro da pochi passi. Nell’ultimo terzo di gara, tutto sommato, non accade nulla di eclatante: le due squadre non riescono a pungere in fase offensiva e, al triplice fischio, escono dal campo con un punto a testa in tasca. L’Atletico Uri, tutto sommato, può esultare per aver centrato la salvezza diretta, mentre l’Ostiamare, costretta a terminare la gara in dieci per l’espulsione, a ridosso del triplice fischio, di capitan Sbardella, termina le fatiche di campionato come settima forza del girone, piazzamento nettamente inferiore sia alle proprie potenzialità che ai programmi societari.

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scritto da

Calcio a 5

La formazione del presidente Schiavi debutta nel migliore dei modi nel triangolare, mette in riga al Pala Olgiata la compagine umbra (3-1) e aggancia...

Calcio a 5

Il rapporto tra la società lidense, neopromossa in serie C1, e il suo allenatore si interrompe dopo due stagioni costellate di successi. Il tecnico...

Calcio a 5

La formazione capitolina bissa, tra le mura amiche del Pala To Live, la vittoria conseguita in gara-1 contro i castellani (6-5) e accede con...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.