Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio a 5

Mirafin, non basta Rocchi: l’Atletico Grande Impero vince di misura

Una Mirafin meno quadrata del solito si ferma a cinque risultati utili consecutivi. La formazione allenata da Armando Mirra issa bandiera bianca di fronte all’Atletico Grande Impero (3-2), subisce la seconda battuta d’arresto in campionato, dopo quella incassata all’esordio sul campo dell’attuale capolista Real Ciampino Academy, e scivola al quarto posto a pari merito con il Cures.

Lorenzo Rocchi (Mirafin)

Una Mirafin meno quadrata del solito si ferma a cinque risultati utili consecutivi. La formazione allenata da Armando Mirra issa bandiera bianca di fronte all’Atletico Grande Impero (3-2), subisce la seconda battuta d’arresto in campionato, dopo quella incassata all’esordio sul campo dell’attuale capolista Real Ciampino Academy, e scivola al quarto posto a pari merito con il Cures. La frazione d’apertura risulta sostanzialmente equilibrata. Basti pensare che, nell’arco dei primi venti minuti, si registra una sola rete. A sbloccare il punteggio sono i padroni di casa con il solito Di Rollo, il quale infila Favale proteso in uscita, sugli sviluppi di una rapida ripartenza, e si conferma uno dei migliori giocatori nel proprio ruolo del girone. La Mirafin, nelle battute finali del primo tempo, prova a reagire, si spinge generosamente in avanti, ma si vede voltare le spalle dalla dea bendata: Zanobi colpisce in pieno il palo da fuori area. La formazione pometina, dopo l’intervallo, moltiplica gli sforzi e raddrizza le sorti della gara con Rocchi, giocatore che di gara in gara sta diventando sempre più una pedina preziosissima dello scacchiere di mister Mirra. Il numero quattro rossoblù, con grande cinismo, iscrive il proprio nome nel registro dei marcatori a seguito di un concitato batti e ribatti in piena area di rigore capitolina. La gioia dei ragazzi di Mirra, però, dura pochi minuti. L’Atletico Grande Impero piazza un micidiale uno-due con lo scatenato Di Rollo, il quale ha il merito di portare i rossoblù a distanza di sicurezza. Il laterale capitolino prima raddoppia con uno splendido diagonale, poi approfitta di un’avventata iniziativa personale di Chiomenti, recupera la sfera e trafigge Favale dall’altezza della linea che delimita l’area di rigore. Animata da una grande voglia di riscatto, la Mirafin getta il cuore oltre l’ostacolo e accorcia le distanze con lo scatenato Rocchi, il quale timbra nuovamente il cartellino con una conclusione di rara potenza e precisione dagli otto metri. La formazione pometina, nei restanti quattro minuti ancora da giocare, adotta la tattica del portiere di movimento nella speranza di completare la rimonta. Evandro e soci provano generosamente a forzare il bunker difensivo rivale, ma sono sfortunati su una conclusione di Messina: la sfera si stampa sul palo. Scampato il pericolo, l’Atletico Grande Impero, negli ultimi giri di orologio, interpreta in maniera perfetta la fase difensiva e corona il classico sogno nel cassetto di fare lo sgambetto a una delle compagini partite meglio in questa stagione. La Mirafin, di riflesso, manda giù il secondo boccone amaro in campionato, ma non può fare altro che recitare il “mea culpa” per non aver sfruttato al meglio le occasioni propizie nell’arco dei quaranta minuti.  

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scritto da

Calcio

La formazione allenata da Campagna conquista un prezioso punto contro la compagine ogliastrina (2-2), supera nel migliore dei modi un esame piuttosto difficile e...

Calcio

Pesante stop casalingo. La squadra di Del Grosso crolla nella ripresa sotto i colpi della Flaminia (0-3) e continua ad occupare la quartultima casella...

Calcio a 5

Il quintetto guidato da Giuliani fa bottino pieno con il Futsal Celano (6-5), incrementa a sette lunghezze il vantaggio sul Real Dem e rialza...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.