Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

La W3 Maccarese si morde le mani: il Terranuova Traiana vince in extremis gara-1 dei play-off

Il novantesimo giro di orologio si rivela fatale ai ragazzi allenati da Colantoni nella sfida di andata della poule-promozione. I bianconeri, costretti a giocare oltre trequarti di gara in inferiorità numerica, a causa dell’espulsione di Citro, si inchinano a ridosso del triplice fischio di fronte ai coriacei toscani (2-1) e, per forza di cose, abbassano di qualche punto percentuale le proprie chance di passaggio del turno.

Simone Starace (W3 Maccarese)
Federico Madeddu (W3 Maccarese)

La pesante defezione del bomber Damiani, appiedato per un turno dal Giudice Sportivo, e l’espulsione di Citro, avvenuta nelle battute iniziali del match, pesano come un macigno per la W3 Maccarese nella gara di andata dei play-off nazionali. La formazione allenata da Francesco Colantoni si inchina di stretta misura a un coriaceo Terranuova Traiana (2-1), cinico a spostare l’ago della bilancia dalla propria parte al novantesimo giro di orologio, e per forza di cose sarà costretta a sfoderare la classica prova perfetta in gara-2 per proseguire il cammino verso l’agognata promozione in Serie D. I ragazzi di mister Becattini, squalificato e sostituito in panchina da Meniconi, partono forte e, dopo pochi minuti, reclamano un penalty per una strattonata in piena area di Pieri ai danni di Petrioli. Il fischietto di Como, però, non ravvisa gli estremi per l’assegnazione della massima punizione. La W3 Maccarese, al dodicesimo minuto, si complica i propri piani: Citro commette fallo a centrocampo ai danni di Mannella e si vede sventagliare in faccia il cartellino rosso dall’arbitro. Agevolato nel proprio compito dalla superiorità numerica, il Terranuova Traiana si spinge in avanti con maggiore continuità e sfiora la marcatura con Mannella. L’attaccante ha la possibilità di calciare il classico rigore in movimento, ma si vede negare la gioia del gol da Oliva, bravo a rifugiarsi in angolo con un prodigioso intervento d’istinto. La formazione toscana, nell’extra-time del primo tempo, sblocca il punteggio per merito di Petrioli, il quale si fa trovare al posto giusto al momento giusto nei pressi del secondo palo, gira in fondo al sacco un cross con il classico contagiri dalla corsia destra di Marini e permette ai suoi compagni di guadagnare la via degli spogliatoi con la giusta carica psicologica. I valdarnesi, nel corso della ripresa, continuano a spingersi generosamente in avanti e, a metà periodo, sfiorano la rete del raddoppio con Marini, il quale indirizza la sfera sotto la traversa con una staffilata dal limite dell’area, ma Borghi, anche in questa circostanza, si conferma all’altezza della situazione, sventa la minaccia con una parata strappa applausi e tiene in partita la sua squadra. La W3 Maccarese, dopo aver contenuto il forcing degli avversari, rimette le cose a posto intorno alla mezzora sugli sviluppi di una punizione da distanza siderale. Lo specialista Starace calcia forte in piena area e trova la fortuita deviazione di Massai, il quale realizza la più classica delle autoreti e riporta il match sui binari di perfetto equilibrio. L’attonito Fedele non può fare altro che raccogliere il pallone in fondo al proprio sacco. Il Terranuova Traiana, nonostante il morale sotto i tacchi per la rimonta subita, chiude la gara in avanti e, al novantesimo minuto, realizza la rete della vittoria con il neoentrato Viganò (classe 2004), lesto ad approfittare di una corta respinta di Oliva su una conclusione dal limite dell’area, fa centro da pochi passi, indossa le classiche vesti di match-winner e consente alla propria squadra di presentarsi alla sfida di ritorno con due risultati su tre a proprio favore. La W3 Maccarese, di conseguenza, sarà costretta a una sfida di ritorno tutta in salita.

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scritto da

Calcio

La società del presidente Valle inizia con piglio autoritario la campagna di rafforzamento in vista del prossimo campionato di Eccellenza. Ufficiali gli arrivi dell’attaccante...

Sport vari

Il runner pometino, portacolori dell’Atletica La Sbarra, corona il sogno nel cassetto di diventare profeta in patria. Romano (S.S. Lazio) e Curci (Atletica Studentesca...

Sport vari

L’imbarcazione di Pino Stillitano domina la nona edizione della regata-veleggiata Fiumicino-Nettuno-Fiumicino. Ottima piazza d’onore per 1 Sail di Stefano Casini, completa il podio Geex...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.