Connect with us

Cosa stai cercando?

Calcio

L’Unipomezia piange lacrime amare: la Serie D rimane ancora un sogno nel cassetto

La formazione di Casciotti non riesce a gestire tra le mura amiche del Comunale la rete di vantaggio ottenuta nelle Marche (2-3), incassa una sconfitta all’inglese dal Castelfidardo (0-2) ed esce di scena al primo turno dei play-off nazionali. Gli anconetani sbloccano il punteggio nel primo tempo grazie a un perentorio colpo di testa di Nanapere, poi realizzano il gol della qualificazione all’ultimo assalto con Sidorenco.

Marco Lupi (Unipomezia)
Armin Ramceski (Unipomezia)

L’ultima azione della gara si rivela fatale all’Unipomezia nella sfida di ritorno del primo turno dei play-off. Quando ormai la disputa dei tempi supplementari appariva piuttosto scontata, il Castelfidardo realizza la rete del raddoppio al settimo minuto di recupero (0-2), ribalta la sconfitta di misura incassata nel confronto diretto dell’andata (2-3), conquista il pass per la finale nazionale della poule-promozione e fa cadere nello sconforto i ragazzi del presidente Valle, costretti a loro volta a rimanere ancora in Eccellenza dopo aver disputato una stagione da assoluti protagonisti. La compagine fidardese, costretta a inseguire il risultato, esercita una lieve supremazia territoriale nella prima parte della gara e, intorno al ventesimo giro di orologio, sfiora due volte la marcatura. Il generoso Braconi, nel primo caso, costringe alla presa in due tempi Borghi. Subito dopo si ripete il duello tra l’attaccante biancoverde e il portiere rossoblù, che non riesce, in questo caso, a trattenere la sfera e consente a Cannoni di calciare il classico rigore in movimento. Il centrocampista, però, pecca di cinismo e non inquadra lo spazio delimitato dai tre legni. Tali episodi, tutto sommato, fanno da preludio al vantaggio marchigiano firmato da Nanapere, bravo a sfuggire alle grinfie del diretto marcatore e a schiacciare di testa in rete, nei pressi del secondo palo, un assist perfetto dalla corsia sinistra di Fabbri. L’Unipomezia accusa il colpo sotto il profilo emotivo, non riesce a cambiare marcia nei restanti minuti del primo tempo e guadagna la via degli spogliatoi sotto di una rete. La ripresa risulta piuttosto combattuta: rossoblù e biancoverdi provano generosamente a spostare l’ago della bilancia dalla rispettiva parte. I due estremi difensori, però, non vengono chiamati mai seriamente in causa. Il Castelfidardo, in pieno recupero, mette i brividi ai pometini con Sidorenco, il quale non riesce ad approfittare di una respinta di Borghi, calcia da distanza ravvicinata, ma si vede chiudere lo specchio della porta dall’estremo difensore pometino. La formazione anconetana, al quinto e ultimo minuto dell’extra-time, rimane in dieci per l’espulsione di Rotondo, allontanato dall’arbitro per comportamento scorretto. Il tempo di recupero, di conseguenza, si allunga di qualche giro di orologio. La compagine guidata da mister Giuliodori riesce a strappare la qualificazione al secondo turno dei play-off proprio all’ultimo assalto, sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti campo, per merito di Sidorenco, il quale approfitta di un’uscita maldestra di Borghi, fa centro da pochi passi e regala alla sua squadra il pass per la finale nazionale. L’Unipomezia, di conseguenza, manda giù un boccone amarissimo e si trova costretta a rinviare ulteriormente a data da destinarsi l’agognato ritorno in Serie D.

Antonio Gravante

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

 

 

Scritto da

Calcio

La compagine del presidente Rizzaro prosegue la campagna di rafforzamento in vista della prossima stagione sportiva: un centrocampista e un attaccante alla corte di...

Padel

La squadra maschile ardeatina sfrutta al meglio il fattore campo, regola con il punteggio all’inglese la compagine capitolina e corona il sogno nel cassetto...

Padel

Le ardeatine piegano in finale la resistenza del Green Padel (2-1) e tagliano un traguardo storico. La collaudata coppia Guarino-Petruccioli completa l’opera nella terza...

Ti potrebbero interessare

Calcio

Il quinto e ultimo giro di lancette del recupero accordato dall’arbitro sorride all’Indomita Pomezia nella seconda giornata del Campionato di Promozione. La squadra di...

Calcio

Costretta a fare di necessità virtù, a causa dei cartellini rossi rimediati da Castelluccio e Scibilia, il primo a metà del primo tempo e...

Calcio a 5

Non poteva esserci una scritta più azzeccata sullo striscione che campeggiava a bordo campo. “Senza sacrificio non può esserci vittoria”. Questo è il messaggio...


Copyright © 2023 La Gazzetta Pontina

LA GAZZETTA PONTINA - L'INFORMAZIONE SPORTIVA DEL LITORALE LAZIALE
Autorizzazione del Tribunale Civile di Velletri n. 12/2008 del 29/04/2008
Direttore Responsabile: Antonio Gravante
Proprietario ed editore: SPORT SERVICE di Antonio Gravante
Sede e redazione: Via Luigi Sturzo, 14 - 00040 Pomezia
Email: lagazzettapontina@gmail.com

Realizzazione: SeaMedia

Testi, fotografie, grafica e contenuti inseriti in questo portale non potranno essere copiati, pubblicati, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte di utenti e di terzi in genere, in alcun modo e sotto qualsiasi forma, se non espressamente autorizzati dalla proprietà del sito.